Menu  
   

Rainis e Aspazija

Rainis 1865-1929

Rainis è stato uno dei leader democratici del movimento lettone Nuova Corrente nel 1890 ed è stato redattore capo del giornale «Dienas Lapa» dal 1891 al 1895. Nel 1897 fu arrestato e successivamente esiliato al governatorato di Vyatka (Russia). Ritornò in Lettonia nel 1903 e si impegnò ancora una volta attivamente nel movimento rivoluzionario democratico nazionale. Quando iniziarono le repressioni nel dicembre 1905, fu costretto a fuggire. Nei suoi anni di esilio a Lugano, Rainis scrisse diverse opere innovative che sono ancora considerate una pietra angolare della letteratura lettone. Dopo il suo ritorno nella ormai indipendente Repubblica di Lettonia nel 1920, Rainis ricoprì diversi incarichi nell’amministrazione statale, fu deputato del Partito socialdemocratico al Saeima (parlamento) e continuò a scrivere. Morì improvvisamente nel 1929 e fu commemorato con i funerali di Stato.

Aspazija 1865-1943

Aspazija debuttò in letteratura negli ultimi anni del XIX secolo. Fu tra i primi difensori dei diritti delle donne in Lettonia e una delle figure letterarie più note. Nel 1897 sposò il poeta Rainis mentre era agli arresti. La sua opera teatrale Il velo d’argento fu messa in scena per la prima volta nel 1905 e svolse un ruolo importante durante gli eventi rivoluzionari. Nel suo periodo di esilio a Lugano e negli anni successivi nella Lettonia indipendente, non raggiunse più il riconoscimento e la fama dei suoi tempi migliori. Il funerale di Aspazija ebbe luogo nel 1943, in una Lettonia occupata dai nazisti.

Ultima modifica 20 giugno 2018

 

Contatti