Menu  
   

Storia di Lugano

Lugano ha origini antiche. Le prime tracce sicure dell'esistenza di una comunità sono contenute in un documento che risale all'anno 875 che parla di "Sancti Laurenti in Luano".

Pianta di Lugano e suoi dintorni 1856

La chiesa di S. Lorenzo (cattedrale dal 1888) è di fondazione altomedievale. Oggetto di continue contese tra Como e Milano, Lugano passa sotto il dominio degli Svizzeri nel 1513 e vi resta fino al 1798 anno in cui, sotto la spinta dei grandi rivolgimenti europei, chiede ed ottiene l'indipendenza entrando a far parte della Confederazione svizzera. Lugano è allora sede della 'fiera grossa' (dal 1513 fino alla fine del XIX secolo), una delle più importanti fiere del bestiame in Europa.

Nel 1815 il Congresso di Vienna garantisce l'integrità dei nuovi cantoni e nasce così la Svizzera contemporanea. Per il Canton Ticino, la nuova costituzione del 1814 – di tendenza restauratrice – risolve in modo salomonico la questione del capoluogo cantonale con l'alternanza ogni sei anni dei borghi di Bellinzona, Locarno e Lugano; quest'ultimo, quindi, nel XIX secolo funge anche da capitale cantonale.

Dal 1880 al 1910 si assiste, soprattutto dopo l'apertura della linea ferroviaria del San Gottardo, a un'eccezionale crescita demografica. In questi trent'anni la popolazione aumenta di quasi 8'000 abitanti, passando da 6'949 a 14'998 unità.

Dal 1900 al 1945 la Città conosce importanti trasformazioni urbanistiche a causa di una ulteriore crescita demografica e delle spinte economiche che di fatto cambiano radicalmente la struttura del centro storico e di interi quartieri, come ad esempio quello del Sassello (1939-1942), un intervento di risanamento radicale previsto dal piano regolatore di allora.

Nel 1972 sono aggregati a Lugano i comuni di Brè-Aldesago e Castagnola.

Il 15 dicembre 2002 è approvato in votazione dalla popolazione il progetto Nuova Lugano, ossia l'aggregazione alla città di Lugano di diversi comuni limitrofi.

Il 4 aprile 2004 sono aggregati i comuni di Breganzona, Cureggia, Davesco-Soragno, Gandria, Pambio Noranco, Pazzallo, Pregassona e Viganello.

Il 20 aprile 2008 si aggiungono i comuni di Barbengo, Carabbia e Villa Luganese.

Con tale operazione, la popolazione è più che raddoppiata, il territorio è passato da 11 km2 agli attuali 32 km2 e Lugano è diventata una delle più grandi città della Svizzera.

Il 15 aprile 2013 si ha una nuova fase di aggregazioni dove i Comuni di Bogno, Cadro, Carona, Certara, Cimadera, Sonvico e Valcolla diventano nuovi quartieri della Città. Questa fase estende il territorio di Lugano a 75,81 km2 e la popolazione cresce a 65'015 unità.

Ultima modifica 16 gennaio 2019